US spy aircraft flew between Russian bases in Syria during drone attack

Segnalazione di F.F.
The Russian military in Syria has disrupted a massive attack with the use of battle drones on its facilities in the country on January 6, intercepting six and shooting down seven more UAVs launched by militants.
The US Navy’s Boeing P-8 Poseidon was on a patrol mission in the area between the Russian Hmeimim airbase and Tartus naval base in Syria when militants attempted to attack the facilities using 13 drones, the ministry revealed on Tuesday. Continua a leggere

Condividi

L’Iran brucia, ma il velo non c’entra nulla (e nemmeno l'Occidente)

Segnalazione Linkiesta

Image
L’Iran brucia, ma il velo non c’entra nulla (e nemmeno l’Occidente)

I veri motivi della protesta in Iran non hanno nulla a che vedere con la libertà di espressione all’occidentale. Né con i complotti internazionali. C’entra invece il fatto che la Persia è giovane, in crescita (e con molte donne nei posti dirigenziali). E vorrebbe crescere di più e meglio. (di Fulvio Scaglione, LEGGI)

Continua a leggere

Condividi

L'Onu, Gerusalemme e il randello del dollaro

Segnalazione del Centro Studi Federici

L’Assemblea Generale delle Nazioni Unite ha fatto il vuoto intorno agli Usa (e ad Israele) per la decisione di trasferire l’ambasciata americana da Tel Aviv a Gerusalemme. Senza, però, alcuna conseguenza pratica.
 
E così, l’Assemblea Generale delle Nazioni Unite ha condannato la decisione di Donald Trump, che ha deciso di spostare l’ambasciata da Tel Aviv a Gerusalemme, riconoscendo questa città come capitale di Israele, con una larghissima maggioranza: 128 Paesi favorevoli alla mozione di censura, 35 astenuti, solo 9 contrari. Il voto ha valore meramente consultivo e il risultato era prevedibile, perché la mossa di Trump (che riconosce come israeliana anche Gerusalemme Est, che l’Onu invece considera “territorio occupato”) sconvolge settant’anni di diplomazia internazionale.

Continua a leggere

Condividi

Altri soldati USA in Afghanistan. Contro Russia e Cina?

https://www.maurizioblondet.it/wp-content/uploads/2017/12/Screen-Shot-2017-12-27-at-2.55.18-PM-1728x800_c.png

L’ultimo attentato-strage a Kabul,  almeno 40 morti  in un’agenzia di stampa e in un circolo culturale sciita, reca impronte digitali alquanto riconoscibili. Lo ha rivendicato l’ISIS Khorasan, una sigla multi-uso …

CONTINUA SU:

https://www.maurizioblondet.it/altri-soldati-usa-afghanistan-russia-cina/ Continua a leggere

Condividi
1 5 6 7 8