Disponibile il numero 114 di Sursum Corda

Sul sito è disponibile il numero 114 (del giorno 27 maggio 2018) di Sursum Corda®. Il settimanale si può scaricare gratuitamente nella sezione download dedicata ai soli Associati e Sostenitori.
Clicca qui per gli ultimi articoli leggibili gratuitamente sul sito:
– Comunicato numero 114. Giovanni declinante e Gesù ascendente;
– Adeguamento al Regolamento europeo in materia di protezione dei dati personali (GDPR 2016/679);
– Preghiera a San Filippo Neri, Confessore;
– Preghiera a San Gregorio VII, Papa;
– Gli anatemi del Concilio di Costantinopoli II, numeri 5 e 6;
– Preghiera a Maria Ausiliatrice;
– Vita e detti dei Padri del deserto: Isidoro di Scete;
– San Tommaso: il re deve necessariamente avere difese fortissime;
– Preghiera a Santa Rita per le famiglie;
Continua a leggere

Condividi

Il pittore dell’Ausiliatrice

Segnalazione del Centro Studi Federici

La vediamo con i suoi occhi. Tommaso Lorenzone, il pittore dell’Ausiliatrice
«Osservi com’è bella! Non è opera mia, no. Non sono io che dipingo. C’è un’altra mano che guida la mia. Dica a don Bosco che il quadro sarà bellissimo».
 
Nei primi mesi del 1865, il pensiero di don Bosco è assorbito dal grande quadro di Maria Ausiliatrice che dovrà campeggiare nel santuario. Ne affida l’esecuzione al pittore Lorenzone, e cerca di comunicargli tutto ciò che «vuole vedere» in quel quadro: 
«In alto Maria SS. tra gli Angeli, intorno a lei gli apostoli, i profeti, le vergini, i confessori. Nella parte inferiore i popoli delle varie parti del mondo che tendono le mani verso di lei e chiedono aiuto». 
Lorenzone lo lascia finire, poi: «E questo quadro dove vuole metterlo?» 
«Nella nuova chiesa». 
«E crede che ci starà? E dove trovare la sala per dipingerlo? Per trovare uno spazio adatto alle dimensioni che lei si immagina, ci vorrebbe piazza Castello!» 
Don Bosco dovette riconoscere che il pittore aveva ragione. Fu quindi deciso che attorno alla Madonna si sarebbero dipinti soltanto gli apostoli e gli evangelisti. Ai piedi del quadro sarebbe stato raffigurato l’oratorio. 

Continua a leggere

Condividi